NOVAMag® membrane

MEMBRANA DI MAGNESIO RIASSORBIBILE

Membrana barriera riassorbibile

Metallo biodegradabile

Degradazione controllata

La membrana di magnesio è forte e riassorbibile allo stesso tempo. Può essere tagliato a misura e modellato per trattare i difetti ossei individuali. Poiché NOVAMag® membrane si riassorbe completamente entro pochi mesi dall’impianto, non è necessario un secondo intervento chirurgico per rimuovere la membrana.

Meccanicamente forte e riassorbibile

NOVAMag® membrane è prodotta da puro metallo di magnesio. Il magnesio è un metallo biodegradabile che viene riassorbito dal corpo umano senza residui tossici1-3. Gli ioni di magnesio (Mg2+) rilasciati durante il processo di degradazione sono un componente presente naturalmente nel corpo umano e sono responsabili di molti processi fisiologici4-6. Grazie alle proprietà intrinseche del magnesio metallico, NOVAMag® membrane rappresenta un’opzione di materiale meccanicamente forte ma degradabile per gli interventi di aumento osseo7-8. È ideale per proteggere i vuoti dei difetti ossei durante la rigenerazione ossea e per mantenere il posizionamento dell’osso autologo e dei materiali per l’aumento dell’osso, come il cerabone®.

Cerca prezzi o ulteriori informazioni?

Specifiche del prodotto

Art.-No. Dimensione della confezione Dimensioni
721520 S 15 x 20 mm
722030 M 20 x 30 mm
723040 L 30 x 40 mm

DISTRIBUZIONE

Grazie alla nostra rete internazionale di partner di distribuzione, siamo vicini a voi in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Oltre al nostro portafoglio prodotti a 360°, offriamo assistenza, consulenza e scambio scientifico, formazione ed eventi locali.

Trova il fornitore più vicino a te:

OUR EXPERTS WILL BE HAPPY TO ADVISE YOU PERSONALLY

Do you still have questions about our products and their application?
Simply arrange a telephone appointment with our experts.

FAQ

I metalli biodegradabili sono una classe di metalli che, una volta impiantati, si degradano gradualmente e vengono completamente riassorbiti. I prodotti di degradazione vengono poi metabolizzati dal corpo umano.

NOVAMag® membrane ha una superficie liscia e lucida. Subito dopo l’impianto, la membrana inizia a degradarsi. Il processo di degradazione crea una superficie ruvida che migliora l’adesione dei tessuti molli.

Quando il metallo di magnesio si degrada, si formano sali di magnesio e idrogeno gassoso in superficie. La combinazione del magnesio metallico e dei sali di magnesio fornisce una barriera efficace durante il periodo critico di guarigione7-8. In alcuni casi, l’idrogeno gassoso comprime leggermente il tessuto molle sopra NOVAMag® membrane, fornendo così una barriera aggiuntiva senza influire sulla rigenerazione ossea.

NOVAMag® membrane si degrada completamente nel giro di pochi mesi dopo il suo impianto7-8.

Durante la degradazione del metallo magnesio, la struttura metallica si trasforma in sali di magnesio e viene rilasciato un piccolo volume di idrogeno gassoso. Un piccolo accumulo di gas può raccogliersi intorno a ciascun dispositivo ed è visibile ai raggi X8. Il rilascio di idrogeno gassoso potrebbe presentarsi come un leggero gonfiore dei tessuti molli.

I sali di magnesio mantengono la forma e la posizione originale della membrana fino a quando non vengono riassorbiti dall’organismo, mentre il piccolo volume di idrogeno gassoso provoca inizialmente una leggera tenda del tessuto molle7-8. Entrambi questi sottoprodotti di degradazione continuano a mantenere una separazione tra tessuti molli e duri come seconda fase della funzionalità barriera della membrana, fino a quando non vengono riassorbiti dall’organismo.

Gli studi sugli animali hanno dimostrato che NOVAMag® membrane viene solitamente riassorbita entro 8-16 settimane dall’impianto. In uno studio di performance in vivo, è stata osservata una funzione barriera simile a quella di una membrana di collagene, con volumi simili di nuovo osso e tessuto molle all’interno del difetto in ogni punto temporale8.
Si raccomanda di fissare NOVAMag® membrane con la vite di fissaggio NOVAMag® XS. In alcuni casi, NOVAMag® membrane può essere fissata anche con la vite di fissaggio NOVAMag® S-XL.

Tuttavia, è anche possibile utilizzare la vite di fissaggio a membrana, USTOMED Instrumente Ulrich Storz GmbH & Co. KG o il Sistema di Fissazione di Precisione Pro-fix™, Osteogenics Biomedical Inc.

Nei casi di esposizione, si raccomanda di prestare particolare attenzione al controllo dell’igiene orale, sciacquando l’area con soluzioni di CHX, ad esempio, ed evitando cibi e/o bevande acide, nonché il fumo. Non sono necessarie misure di trattamento aggiuntive per i tessuti molli. I casi di piccola deiscenza dovrebbero scomparire dopo 2-3 settimane. Non è necessario rimuovere la membrana in caso di esposizione localizzata.

Al momento dell’esposizione, la membrana può apparire di colore grigio scuro/nero, cosa che avviene normalmente durante il processo di degradazione.

botissnews

Resta informato

Mantieniti informato e non perderti le nostre notizie: novità sui prodotti, ultime pubblicazioni, eventi esclusivi ed entusiasmanti webinar. Compila semplicemente il modulo di registrazione e sei dentro.

Prodotti correlati

  • NOVAMag® Instruments

    Manipolazione ottimale per tutti i prodotti a base di magnesio

    Per garantire una manipolazione ottimale della membrana NOVAMag® e della vite di fissaggio NOVAMag®, botiss ha sviluppato una gamma di strumenti NOVAMag® in stretta collaborazione con i medici.

  • NOVAMag® fixation screw

    Lega metallica di magnesio riassorbibile e biodegradabile

    Ideale per fissare membrane barriera, innesti ossei e materiale per l'aumento dell'osso.

  • permamem®

    MEMBRANA BARRIERA IN PTFE AD ALTA DENSITÀ

    Una membrana eccezionalmente sottile, non riassorbibile e biocompatibile.

Contattaci

Invia le tue domande direttamente ai nostri specialisti:

Product Manager

Hai commenti o dubbi?

Non esitare a contattarci!

botiss biomaterials GmbH

Hauptstrasse 28
15806 Zossen / Germany
Tel.: +49 33769 / 88 41 985
Fax: +49 33769 / 88 41 986
  1. D. Zhao, F. Witte, F. Lu, J. Wang, J. Li e L. Qin, “Stato attuale delle applicazioni cliniche degli impianti ortopedici a base di magnesio: Una revisione dalla prospettiva clinica traslazionale”, Biomateriali, vol. 112. Elsevier Ltd, pp. 287-302, 01 gennaio 2017. doi: 10.1016/j.biomaterials.2016.10.017.
  2. K. Bobe et al., “Valutazione in vitro e in vivo di scaffold biodegradabili, aperti e porosi, realizzati con fibre corte di magnesio W4 sinterizzate”, Acta Biomater. 9, n. 10, pagg. 8611-8623, novembre 2013, doi: 10.1016/j.actbio.2013.03.035.
  3. E. Willbold et al., “Biocompatibilità della lega di magnesio RS66 rapidamente solidificata come metallo temporaneo biodegradabile”, Acta Biomater. 9, n. 10, pp. 8509-8517, novembre 2013, doi: 10.1016/j.actbio.2013.02.015.
  4. N. E. L. Saris, E. Mervaala, H. Karppanen, J. A. Khawaja e A. Lewenstam, “Magnesio: Un aggiornamento sugli aspetti fisiologici, clinici e analitici”, Clinica Chimica Acta, vol. 294, n. 1-2. Elsevier, pp. 1-26, 01 aprile 2000. doi: 10.1016/S0009-8981(99)00258-2.
  5. J.-M. Seitz, R. Eifler, F.-W. Bach, e H. J. Maier, “Prodotti di degradazione del magnesio: Effetti sui tessuti e sul metabolismo umano”. J. Biomed. Mater. Res. Parte Avol. 102, n. 10, pp. 3744-3753, ottobre 2014, doi: 10.1002/jbm.a.35023.
  6. J. Walker, S. Shadanbaz, T. B. F. Woodfield, M. P. Staiger e G. J. Dias, “Biomateriali di magnesio per applicazioni ortopediche: Una revisione da una prospettiva biologica”, Journal of Biomedical Materials Research – Part B Applied Biomaterials, vol. 102, n. 6. John Wiley and Sons Inc., pagg. 1316-1331, 01 agosto 2014. doi: 10.1002/jbm.b.33113.
  7. P. Rider et al., “Membrana barriera biodegradabile di magnesio utilizzata per la rigenerazione ossea guidata nella chirurgia dentale”. Bioact. Mater.vol. 14, pp. 152-168, agosto 2022, doi: 10.1016/J.BIOACTMAT.2021.11.018.
  8. P. Rider et al., “Analisi del processo di degradazione di una membrana di magnesio puro e della sua funzionalità quando viene utilizzata in un modello di rigenerazione ossea guidata nei cani Beagle”. Mater. 2022, Vol. 15, Pagina 3106vol. 15, n. 9, pag. 3106, aprile 2022, doi: 10.3390/MA15093106.